domenica 28 novembre 2010

..."Appendere un quadro al muro è come ascoltare la stessa canzone tutto il giorno"...


..."Se si insiste un po' con le "comunicazioni di mercato" - così le chiamano - o se si insiste un po' con ben fatti "spot" televisivi, si riesce anche a convincere i millepiedi che si fa più in fretta e si fa meno fatica a viaggiare con l'aereo piuttosto che a piedi (anche con duemila piedi). È possibile anche convincere le farfalle notturne che è meglio comperare un televisore per guardare le farfalline che fanno la pubblicità seminude con mutande di vetri Swarovski, piuttosto che girare qua e là nel profumo dei prati aspettando di addormentarsi per sempre"...

http://it.wikiquote.org/wiki/Ettore_Sottsass

Risposte alle soluzioni...

1° Cos'è...


Soluzione:...

...E' la scarpa dell'adidas...


Soluzione:...

Il motivo il Pattern"Bacterio"






I laminati e il motivo Bacterio 

Il Gruppo Menphis con la collaborazione di Abet Laminati e Ettore Sottsass hanno dato origine ad un modo nuovo di concepire il laminato. 
Il laminato era stato utilizzato fino agli anni '60 come mera superficie che riproduceva, per
imitazione, qualcosa di già esistente in natura (il finto legno, il finto marmo, etc). 
La grande intuizione di Abet Laminati fu quella di comprendere che il laminato poteva 
avere una propria indipendente ed originale capacità espressiva, che poteva contribuire a 
dare identità alla superficie di un oggetto, che poteva vestire un mobile o una piano 
cambiandone la percezione.

Il motivo "bacterio" in alcune opere di 
Ettore Sottsass, lampada da tavolo Tahiti per Memphis, 1981.





http://www.professionearchitetto.it/mostre/notizie/3737/Abet-Laminati-e-Ettore-Sottsass



2° cos'è



Soluzione:...


si trova in una foto del libro in titolato "foto dal finestrino" di Ettore Sotsass.





"Foto dal finestrino di Ettore Sottsass"



"Quelle montagne di stanze tutte uguali mi fanno molta impressione perché mi
 sembra che su quelle montagne ci sia molta poca pietà per la gente che le 
deve scalare."Ventisei istantanee, corredate da altrettante didascalie, del tutto
 inconsuete: un occhio particolare le ha scattate, ha scoperto angoli nascosti,
 luoghi e situazioni che altri non 
sanno vedere. Certamente è un grande fotografo ad averle scattate, un artista 
dalla personalità originale e dominante, capace di poesia nell'essere essenziale.
"Sono esistite ed esistono ancora culture, anche molto sofisticate, nelle quali 
scolpire sculture o dipingere storie non aveva e non ha come tappa finale il 
mercato, culture nelle quali una scultura o una pittura non finisce per 
diventare «un prodotto» ma si accontenta di segnalare storie segrete o memorie
 o visioni misteriose...": ecco questa è una parte di una delle straordinarie 
didascalie di Sottsass, e già si può capire come, descrivendo 
un'immagine, il grande architetto comunichi la sua visione dell'arte e della cultura. 
Nelle fotografie vediamo particolari che il suo sguardo attento 
ha coltonelle diverse parti del mondo, case, baracche, volti, tutti fortemente 
significativi di come va il mondo, e il mondo non va bene.




3° cs'è


Soluzione:...

PISELLI


Pillole alimentari di diversi diametri, 



confezionate in astucci bivalve molto eleganti per forma, colore, materia, semitrasparenza e semplicità d’apertura. Sia il prodotto stesso che l’astuccio e l’adesivo derivano tutti da un’unica origine di produzione. Non quindi lavorazioni diverse su materiali diversi da montare poi in una successiva fase di finitura, ma una programmazione di lavoro molto esatta, certamente frutto di un lavoro di gruppo

 (team-work).



L’oggetto è monocromo ma con sensibili variazioni di tono che gli dà un aspetto appena sofisticato, che però incontra anche il gusto dei consumatori più lontani da una cultura attuale. Il colore è un verde, un certo verde, molto noto sotto la denominazione popolare di “verde pisello” , colore abbastanza bene calcolato fin dall’inizio della produzione e non più cambiato a tutt’oggi. Questo colore ha determinato influenze cromatiche anche nella moda e nell’arredamento intorno agli anni ‘20-30.











sabato 27 novembre 2010

Innocenza, Uguaglianza, Immaginazione   
(Innocence, Equality, Imagination)



"I bambini sono tutti uguali e tutti diversi; tutti uguali per i diritti e tutti diversi per la personalità. Quando un bambino tocca, afferra, lancia un oggetto, agisce sull’ambiente per provocarne un cambiamento, un suono, una sensazione, una vibrazione."

"Children are all equal and all different, all equal in rights and all the different personalities. When a child touches, grabs, throws an object, it acts on the environment to cause a change, a sound, a feeling, a vibration."

venerdì 26 novembre 2010

..Andy Warhol...



..."Nel futuro ognuno sarà famoso per quindici minuti"...


 ..."Volevo qualcosa di più forte, che comunicasse meglio l'effetto di un prodotto seriale. Con la serigrafia si prende una foto, la si sviluppa, la si trasferisce sulla seta mediante colla e poi la si inchiostra, cosicché i colori penetrano attraverso la trama salvo che nei punti dove c'è la colla. Ciò permette di ottenere più volte la stessa immagine, ma sempre con lievi differenze. Tutto così semplice, rapido, casuale: ero eccitatissimo. Poi Marilyn morì quello stesso mese, e mi venne l'idea di trarre delle serigrafie da quel suo bel viso, le mie prime Marilyn"... 

Dopo gli studi elementari frequenta per un paio d'anni il Carnegie Institute of Technology di Pittsburgh, ma prima dei vent'anni si trasferisce a New York dove lavora come grafico pubblicitario per alcune riviste famose come  "Vogue", "Harper's Bazar", "Glamour". 
Pieno di idee e voglia di mettersi in gioco Andy Warhol lavora come vetrinista e si cimenta nel mondo della pubblicità e della scenografia.




La Hugo Gallery di New York nel 1952 ospita la prima mostra personale di Andy Warhol.
Negli anni seguenti l'artista espone alcuni disegni alla Bodley Gallery e presenta le sue Golden Shoes in Madison Avenue rivelando la sua grandezza di grafico


Intorno al 1960 Warhol comincia a realizzare i primi dipinti che hanno per soggetto  immagini pubblicitarie o eroi dei fumetti come Dick Tracy, Popeye, Superman e le bottiglie di Coca Cola.




Anche i "Car Crash" (Incidenti automobilistici) e "Electric Chair" (sedia elettrica) trovano un posto emotivamente elevato.


La Pop art, nata nei primi anni Sessanta, in  Gran Bretagna, prende forma e conquista a New York con le opere di  Jasper Johns e Robert Rauschenberg, due talenti che decisero di mescolare la pittura con alcuni feticci della vita reale.


In questa atmosfera Andy Warhol evolve il suo stile pittorico, si dedica ai volti famosi, ai prodotti di largo consumo, al dollaro e alle prime pagine dei quotidiani, convinto che la riproducibilità serigrafica aggiungesse valore alla sua megalomania.



http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=237&biografia=Andy+Warhol

giovedì 25 novembre 2010

...Gaetano Pesce...




...Questo nostro mestiere di designer, di architetti, qual è il suo significato attuale?...

..."Mi sembra in generale che abbiamo perduto quelle che erano le nostre funzioni in un contesto di una società che ha dei bisogni ogni giorno diversi e che questo nostro mestiere, invece di seguire questi bisogni e interrogarsi e provocare delle risposte anche polemiche, mi sembra che il mestiere dell'architetto si sia un po' ritirato in un angolo dove la sua efficacia è un po' perduta e quindi a volte succede di riflettere sulle assenze dell'architetto"......il mestiere dell'architetto o del designer è estremamente e intimamente legato a quello che è il bisogno dell'innovazione, perché l'innovazione è un qualche cosa che inventa un qualcosa che è utile alla società che sta vivendo un momento economicamente difficile, quindi l'innovazione può portare dei benefici che hanno delle conseguenze nel settore economico e quindi dei vantaggi alla società"...


La Serie Up compie 50 anni. Disegnata nel 1969 da Gaetano Pesce, rappresenta una delle più clamorose espressioni del Radical Design. Sette diversi modelli di sedute in varie dimensioni, sono caratterizzate da uno straordinario impatto visivo che le ha rese uniche nel tempo. Tra tutte la più celebre è la scultorea poltrona Up5, abbinata al pouff Up6, concepita come metafora della "donna con la palla al piede", vero e proprio pezzo cult. Giocata su geometrie curvilinee e contraddistinta da presenza ipnotica e personalità pop, la poltrona Up5 segna il felice incontro tra arte e design. 




 Sessantuna – Tavolo Italia 2011 , Un progetto creativo che plasma una moderna Italia Unificata con una collezione di sessantuno tavoli numerati secondo l’ordine in cui i territori della Penisola vennero annessi nel 1861.
Gaetano Pesce e Cassina rivisitano il tavolo Sansone, ormai fuori produzione, riproponendolo in sessantuno modelli unici, personalizzabili e colorati in resina. Esemplari che se idealmente congiunti ricostituirebbero la forma di un’Italia, di 25 per 20 metri, dalle coste frastagliate e dalle numerose isole. Tavoli o complementi d’arredo dalle gambe indipendenti e orientabili da poter impreziosire con serigrafie



video


 Oggetti unici e ogni volta diversi, questo è il concetto che riassume la filosofia di Fish Design. La creatività di chi lavora, l’imprevedibilità della miscelazione dei fluidi, la possibilità di inserire variabili, dalla scelta del colore alla distribuzione dei materiali, sono alcune vie per ottenere la diversità e l’unicità di un oggetto Fish Design.Da sempre le materie plastiche hanno rappresentato per Gaetano Pesce l’idea di modernità, di futuro e gli hanno offerto la possibilità di innovare e ricercare una nuova idea di bellezza.





http://www.gaetanopesce.com/gaetanopesce.html

mercoledì 24 novembre 2010

...Keith haring...

                                    

     ...Traiettoria, instabile ma potente, di una stupenda cometa...

Cosa rimane nella tua mente della tua infanzia quando compi 26 anni? Figure inanimate, alcuni ricordi sbiaditi, il mondo di Walt Disney rovinato, la certezza che il mondo stia arrivando alla sua conclusione, o piuttosto la convinzione che il futuro ed i sogni di ognuno di noi siano raggiungibili? Chi può saperlo?Nel 1984, Keith afferma: ..."L'arte vive attraverso l'immaginazione delle persone che la guardano. Senza questo contatto, l'arte non esiste. Ho scelto di diventare un produttore di immagini del XX secolo e ogni giorno cerco di capire le responsabilità e le implicazioni che questa scelta comporta. È diventato chiaro per me che l'arte non è un attività elitaria riservata all'apprezzamento di pochi, ma esiste per tutti noi, ed è questo che continuerò a fare.


Murale della Marquette University, Milwaukee, Wisconsin, 1983, Retro e Fronte, particolare della seria di dodici pannelli raffiguranti Baby and Dog.




Inchiostro su polistirolo Haggerty Museum of Art, dono dell'artista




Dedicato al tema dell’armonia e della pace nel mondo, il murale che ricopre interamente i centottanta metri quadrati della parete del Convento di Sant’Antonio, vede incastrarsi personaggi e animali in un’animato incastro di personaggi e animali.

..."In questo murales ho disegnato tutto quello che riguarda l’umanità- Il mio modo di lavorare senza bozzetto preparatorio e’ un approccio molto diretto ed immediato- ho iniziato nell’angolo in alto a sinistra, ho fatto la prima immagine- un passo dopo l’altro, dopo ogni figura dovevo decidere cosa metterci"...

Un’opera che è inno alla vita mentre la sua esistenza si consumava nella stessa malattia che aveva portato via il suo amico, Andy Warhol



 


La scultura "Boxer" dell'artista pop art di Keith Haring a Berlino. Si trova a ovest di Potsdamer Platz e a esta della Filarmonica.


Keith Haring mentre disegna



martedì 23 novembre 2010

...Salvador Dalì...

                

                                                  ..."La droga sono io"...



Faceva risalire il suo "amore per tutto ciò che è dorato ed eccessivo, la mia passione per il lusso e la mia predilezione per gli abiti orientali" ad una auto-attribuita "discendenza araba", sostenendo che i suoi antenati discendevano dai Mori. Dalí fu un uomo dotato di una grande immaginazione ma con il vezzo di assumere atteggiamenti stravaganti per attirare l'attenzione su di sé.
 Tale comportamento ha talvolta irritato coloro che hanno amato la sua arte tanto quanto ha infastidito i suoi detrattori, in quanto i suoi modi eccentrici hanno in alcuni casi catturato l'attenzione del pubblico più delle sue opere..."Surrealismo"........surrealismo, quando sono arrivato a New York mi hanno chiesto una definizione di surrealismo. 
Ho risposto:il surrealismo sono io"... Salvador Dalì dipingendo le sue opere allucinate, fa emergere il suo inconscio, secondo quel principio dell’automatismo psichico teorizzato da Breton al quale diede anche un nome preciso: metodo paranoico-critico.

La persistenza della memoria 1931

 E' uno dei quadri più famosi di Salvador Dalì, nel quale l’invenzione degli «orologi molli» diventa una chiave della sua pittura.
Il tempo meccanico, misurabile con gli orologi, è messo in crisi dalla memoria umana, che del tempo ha una percezione ben diversa.
Il tempo scorre secondo metri assolutamente personali, veloce quando si è felici, lento e pesante nella tristezza.


Cristo di san Giovanni della Croce, 1951




..."Dalla più tenera infanzia, ho la viziosa tendenza di considerarmi diverso dai comuni mortali. Anche questo sta per riuscirmi"...



..."L'intelligenza senza ambizione è come un uccello senza ali"...




..."La differenza tra me ed un pazzo?... È che io non sono pazzo"...



..."La gelosia degli altri pittori è stata sempre il termometro del mio successo"...





video